Il Segreto dell’Estate
Horror / July 24, 2013

  IL SEGRETO DELL’ESTATE CAPITOLO UNO Marco si sporse appena dal finestrino dell’auto, scorgendo in lontananza la casa che la madre aveva preso in affitto e nella quale sarebbero rimasti per tutte le vacanze estive, sino al rientro a scuola. Sentì il sole delle due del pomeriggio picchiare sulla sua testa, e un vento caldo accarezzargli le guance tonde e spettinargli i capelli lisci e biondi; chiuse un attimo gli occhi godendosi l’aria tiepida e lasciandosi trasportare dalle note della canzone “Estate” dei Negramaro. «Ehi, non sporgerti troppo! » lò richiamò bruscamente Stefania. Si girò a guardarla e un sorriso si dipinse immediatamente sul suo volto pieno, sentendo la madre che aveva ripreso a cantare a squarciagola la sua canzone preferita. Appena arrivati Marco scese dall’auto stiracchiandosi, un po’ assonnato e con i muscoli intorpiditi a causa del lungo viaggio; si guardò attorno incuriosito: la casa era circondata da un grande giardino un po’ in disordine, l’erba era molto alta e qualche vecchio gioco giaceva abbandonato per terra, segno che un tempo una famiglia con dei bambini aveva abitato lì. Era la prima settimana di luglio e il caldo torrido diventava sempre più insopportabile; fortunatamente la casa era a pochi…