Il predatore III: la loggia del Drago Caraibico.
Fantasy , Racconti / June 8, 2012

La notte passò tranquilla, se si esclude che ad ogni minimo rumore mi svegliavo e mettevo il naso nella mia valigia per controllare che nessuno avesse provato a rubarmi il malloppo. Appena fu mattina mi piazzai in bagno per lavarmi la faccia e cercare di fare qualcosa per quelle due occhiaie che incorniciavano i miei occhi. Spazzolandomi i capelli, mi sembrò finalmente così chiaro da chi avessi ereditato quella chioma scura e crespa e quelle labbra carnose. Il nonno sì aveva la carnagione più scura della nonna, però avevo sempre pensato che non ci fosse niente di strano, visto che siamo in un’isola che ha visto passare sul suo territorio etnie diverse e moltissime persone sono di carnagione olivastra. Ricordavo a malapena l’aspetto di mio padre, quindi non sapevo se molto della mi fisicità dipendesse da lui ma, dopo aver scoperto delle vere origini del nonno, era chiaro che ero la più haitiana della sua discendenza, visto che la mamma e la zia avevano un incarnato chiaro con occhi verdi o castani. Dovevano essere tutti in piedi e dovevano essere arrivati i miei cugini, forse si sarebbe parlato della questione del testamento. Dovevo dire del taccuino? Mi resi conto di…